the newmediologo

newmedia for human purpose

Archivio per ‘Generale’ Categoria

SCEC, un aiuto contro la crisi

without comments

Stiamo vivendo un momento di crisi in cui le risorse scarseggiano e a soffrirne è in particolare l’economia locale schiacciata dalla forza commerciale delle grandi catene di distribuzione che possono permettersi condizioni impensabili per i commercianti locali che non riescono a restare sul mercato e sono costretti sempre in numero maggiore ad abbassare le serrande in quanto hanno margini sempre più risicati per attirare la clientela, in aggiunta a questo, il denaro che andiamo a spendere nella grande distribuzione non rimane sul territorio ma prende altre strade e finisce spesso nelle casse di multinazionali estere che detengono molti dei marchi della GDO italiana.

Come fare per arginare questa tendenza ? A venirci in aiuto è lo SCEC (Solidarietà ChE Cammina), una moneta locale ideata a Napoli nel 2007 ed attualmente gestita dalla Associazione Arcipelago SCEC, lo SCEC si ottiene gratuitamente aprendo un proprio Conto SCEC sul sito della Associazione e può essere speso insieme all’Euro presso i commercianti, professionisti o artigiani che lo accettano.

Lo SCEC viene accettato in percentuali che variano dal 5% al 30% del prezzo pagato per un bene o servizio ed in sostanza un buono sconto che differisce però da quelli tradizionali, che sono destinati ad esaurire la loro funzione all’atto del pagamento, in quanto chi lo accetta può a sua volta spenderlo presso altri accettatori che a loro volta lo rimetteranno in circolo.

Non voglio soffermarmi sulle motivazioni etiche e filosofiche che sono ala base del progetto in quanto queste sono ampiamente esposte sul sito della Associazione Arcipelago SCEC unitamente ad una esauriente documentazione ma vorrei sottolineare alcuni aspetti di marketing che posono rendere molto conveniente l’accettazione dello SCEC da parte dei commercianti ed operatori economici.

SCEC - Moneta Locale

Lo SCEC fa aumentare le vendite perché il consumatore attento cercherà il commerciante che accetta lo SCEC nella propria zona e vi si recherà per acquistare, è anche possibile che in questo modo il commerciante acquisisca nuovi clienti che non aveva prima di accettare lo SCEC.

Accettando lo SCEC, il commerciante ha un notevole beneficio di immagine in quanto dimostra di voler essere parte di una comunità solidale e pronta all’aiuto reciproco in una congiuntura difficile.

Il commerciante ridurrà la sua base imponibile praticando sconti pari alla percentuale degli SCEC accettati ma potrà recuperare parte di questo valore spendendo a sua volta gli SCEC presso altri fornitori che li accettano, in questa maniera lo sconto praticato non sarà fine a se stesso ma contribuirà a produrre ricchezza.

Il commerciante beneficierà di una pubblicità gratuita con l’inserimento negli elenchi degli accettatori di SCEC e col passa parola degli utilizzatori di SCEC.

In alcune realtà come il IV Municipio di Roma e prossimamente nel Comune di Parma, la diffusione dello SCEC è supportata ufficialmente dagli enti locali e questo costituisce un ulteriore motivo per esserci.

Il vantaggio di far parte di in un circuito è dato dallla instaurazione di nuove relazioni e dal consolidamento di quelle esistenti nell’ambito del proprio territorio visto che si tenderà a spendere gli SCEC presso il commercio di prossimità migliorando il rapporto che si ha con le persone che ci sono più vicine e tutto a vantaggio di una migliore coesione sociale.

Chi decide di accettare gli SCEC si rende protagosta di un cambiamento che mette in circolo non solo denaro ma anche una nuova attenzione nei confronti degli altri.

Questo video spiega brevemente il funzionamento dello SCEC

Share

Scritto da newmediologo

giugno 30th, 2012 at 12:36 pm

Postato in Generale